06 58 16 695

DOTT. MARCELLO LUCARELLI

DOTT.SSA GIOVANNA PORTA

LOGOPEDIA e NEUROPSICOMOTRICITA’ dell’ETA’ EVOLUTIVA

  • Ritardo Psicomotorio
  • Ritardi e Disturbi Specifici di Linguaggio
  • Disturbi dell’Attenzione e del Comportamento
  • Disturbi della Relazione e dello Spettro Autistico
  • Disturbi dell’Apprendimento – Dislessie

PSICOPEDAGOGIA-NEUROPSICOLOGIA E PSICOPATOLOGIA dello SVILUPPO

  • Consulenza Psicopedagogica ai Genitori e agli Insegnanti
  • Sostegno alla Genitorialità (al singolo, in coppia, in gruppo)
  • Parent Training
  • Prevenzione del Rischio Psicopatologico in Età Evolutiva

LOGOPEDIA

  • Deglutizione atipica
  • Disgrafia
  • Dislalia
  • Dislessia
  • Disortografia
  • Disturbi del linguaggio
  • Disturbi dell’apprendimento
  • Disturbo fonetico-fonologico
  • Disturbo Specifico di Linguaggio
  • Malposizionamento linguale
  • Ritardo del linguaggio

CHI É IL TERAPISTA DELL’ETA’EVOLUTIVA?
Il terapista dell’età evolutiva si occupa della diagnosi e della terapia dei disturbi di sviluppo del bambino. La sua professionalità si caratterizza, da un lato, per la sua vocazione infantile, ossia per la sua competenza specifica sui bambini, dalla nascita fino ai 18 anni di età, dall’altro, per un approccio globale, attento a considerare, per ogni fascia d’età, l’equilibrio complessivo e l’integrazione di tutte le funzioni e le competenze evolutive del bambino. 


AREE D’INTERVENTO con il bambino

Sviluppo motorio

– Ritardo psicomotorio

– Disturbi della coordinazione motoria

– Disprassie evolutive

 

Sviluppo cognitivo e neuropsicologico

– Ritardi delle prestazioni intellettive/borderline cognitivi

– Difficoltà di sviluppo e integrazione dei processi neuropsicologici (funzioni esecutive, meta-cognizione, stili cognitivi…)

 

Sviluppo della comunicazione e del linguaggio

– Disturbi della comunicazione verbale e non verbale (specie in età precoce)

– Ritardi nello sviluppo del linguaggio

– Disturbi specifici di linguaggio (DSL)

 

Attenzione e autocontrollo

– Iperattività, impulsività e disturbi attentivi

(specie in età precoce)

– Sindrome ADHD

– Disturbi del comportamento:

– Disturbo oppositivo-provocatorio (DOP)

– Disturbo della condotta (DC)

 

Sviluppo delle relazioni

– Difficoltà comunicative e relazionali

– Disturbo generalizzato dello sviluppo (DGS)

– Disturbi dello Spettro Autistico

 

Sviluppo dell’apprendimento

– Screening delle competenze prerequisite per l’apprendimento della lettura e scrittura

– Ritardo nello sviluppo dei prerequisiti

– Ritardi aspecifici e difficoltà nell’apprendimento scolastico

– Disturbi specifici dell’apprendimento (DSA)

– Dislessie

– Disgrafia, Disortografia, Discalculia             



CHI E’ LO PSICOPEDAGOGISTA?

Lo psicopedagogista integra il lavoro terapeutico diretto al bambino attraverso competenze psicologiche e pedagogiche che vengono rivolte non solo al bambino stesso, ma a tutte le persone (genitori, insegnanti, ecc.) e istituzioni (scuola, servizi, ecc.) che costituiscono il contesto relazionale e ambientale in cui il bambino cresce e matura le sue competenze. Tale intervento è indispensabile affinchè l’approccio riabilitativo sia veramente globale e integrato. Inoltre lo psicopedagogista svolge un importante lavoro di prevenzione, sia individuando nel bambino comportamenti a rischio (che, se non trattati tempestivamente, possono trasformarsi in aspetti patologici), sia fornendo a genitori ed insegnanti strumenti efficaci per riconoscere ed affrontare i segnali precoci di possibili disfunzioni evolutive.

 

AREE D’INTERVENTO con i genitori

Counseling

– Colloqui di consulenza psicopedagogica

– Sostegno alla genitorialità (alla singola persona,

alla coppia o in piccolo gruppo di genitori)

– Sostegno ai genitori con difficoltà relazionali con i bambini (Disturbi dell’Attaccamento)

– Parent Training

  

Prevenzione del rischio psicopatologico

Il progetto terapeutico viene condiviso: solo l’alleanza terapeutica tra specialista e genitori garantisce il successo dell’intervento.

L’attivazione delle risorse di tutti è fondamentale:

dove è possibile viene progettato un intervento interdisciplinare con la collaborazione di altre figure professionali (Neuropsichiatra Infantile, Psicologo, Educatore, ecc)

L’ascolto del disagio del genitore è premessa per una relazione di fiducia reciproca che ha come unico scopo il benessere del bambino.

Clicca qui

 

Info e Prenotazioni