06 58 16 695

La cefalea può rappresentare il sintomo (cefalee secondarie) o essere una malattia (cefalee primarie). Tra le forme primarie l’emicrania è la più frequente.

Che cos’è l’emicrania?

L’emicrania è una malattia del sistema nervoso centrale caratterizzata da una triade sintomatologica di cui fanno parte il dolore, i sintomi neurovegetativi e l’ipersensibilità a stimoli. Colpisce i giovani tra i 20 e i 60 anni, le donne.

E’ tra le patologie più disabilitanti al mondo e interferisce sulla qualità della vita.

Come si pone la diagnosi?

La diagnosi è basata sulla storia ed esame neurologico. Importante un corretto inquadramento clinico diagnostico non solo per porre una corretta diagnosi ma anche per impostare un percorso terapeutico.

Quali sono i fattori precipitanti?

Qualsiasi fattore stressante in un soggetto predisposto può determinare lo scatenarsi della crisi emicranica. Per “stress” in medicina è qualsiasi fattore che alteri l’equilibrio psicofisico. Nella donna da tenere in considerazione il ciclo mestruale e alcune terapie ormonali.

Qual è la terapia?

La terapia dell’emicrania deve cominciare dall’atteggiamento del medico che dovrebbe rappresentare una combinazione di empatia e buone capacità comunicative.

Gli obiettivi del trattamento sono la riduzione o prevenzione del dolore e l’ottimizzazione delle funzioni quotidiane del paziente. Per questo si considera una terapia dell’attacco per il controllo dell’attacco acuto e la profilassi per la riduzione di frequenza, durata e intensità degli attacchi emicranici. Per impostare la terapia è importante

  1. eliminazione fattori precipitanti (psicologici,ormonali,nutrizionali, stress fisici)
  2. valutazione degli attacchi in termini di frequenza, intensità
  3. valutazione di patologie concomitanti
  4. effetti collaterali

Terapia di profilassi quando?

È indicata in tutti i pazienti con frequenza medio elevata (>3 attacchi al mese). E’ individualizzata e deve essere mantenuta per almeno tre mesi. Si può decidere se impostare una terapia farmacologica, non farmacologica (shiatsu/agopuntura) o combinata.

 

E’ importante effettuare un corretto approccio diagnostico ed effettuare un percorso individualizzato per ogni singolo individuo al fine di migliorare la qualità della vita.


×

Siamo aperti dalle 9 alle 20

× Come posso aiutarti?